Accademia del Teatro in lingua veneta

Sito ufficiale: www.accademiateatroveneto.it

Si tratta della prima Accademia di teatro in lingua veneta in Italia per attori professionisti, diretta da Luisa Baldi, con il sostegno della Regione Veneto, della Provincia di Padova e del Comune di Vittorio Veneto e con il patrocinio dell'Università di Venezia e dell'Università di Padova.
Lo scopo dell' Associazione è il recupero della tradizione del teatro veneto a livello professionale che oramai dagli Anni Sessanta non ha più spazio sui palcoscenici italiani.

Dal 2007 l’Accademia del teatro in lingua veneta ha già realizzato vari corsi a livello di master con esiti estremamente positivi e con illustri insegnanti del settore.
Per molti corsisti si è poi creata un'opportunità di lavoro partecipando alle produzioni dell'Accademia.
La prima "I bagni d'Abano" di Goldoni per la regia di Giuseppe Emiliani. L'ambientazione scenografica ed i costumi si richiamano fantasticamente agli anni Venti/Trenta: gli anni della spumeggiante spensieratezza e della grande fortuna delle terme di Abano.

La seconda, in collaborazione con il Teatro Stabile di Verona, "La bisbetica domata" in lingua veneta su traduzione di Piermario Vescovo. Si tratta di un testo molto amato che ha avuto una splendida versione cinematografica con Richard Burton e Elisabeth Taylor. La novità è stata quella di presentare il testo in una versione decisamente particolare, cioè una Bisbetica domata in lingua veneta. L'ambientazione veneta della commedia in cui Petruccio, avventuriero veronese, riuscirà a soggiogare e sposerà l'intrattabile Caterina di Padova, attirato soprattutto dalla sua ricca dote, ci ha infatti suggerito l'idea dell'adattamento in lingua veneta, curato dal prof. Pier Mario Vescovo dell'Università Ca' Foscari di Venezia. Di questo testo è stata fatta anche una versione "leggera" adatta a luoghi non teatrali come ville venete, scuole e situazioni di piazza. Il testo si intitola "Quando do vampe de fogo…" per la regia di Eleonora Fuser. Gli otto attori interpreti provengono dall'Accademia del teatro in lingua veneta, diretta da Luisa Baldi. Tra di loro Valerio Mazzucato come Petruccio e Anna Tringali come Caterina.

Nel dicembre 2009 l’Associazione, sempre con il sostegno della Regione Veneto, ha realizzato la sua prima importante produzione: la messa in scena de “Le donne gelose” di Carlo Goldoni, un testo in lingua veneta, “una commedia veneziana, venezianissima”, come dice lo stesso Goldoni nella sua prefazione, un’occasione di divertimento per la sua trama che gioca con un sentimento universale. La regia è stata di Carlo Simoni, noto attore e regista. Gli interpreti sono attori professionisti provenienti dall’ Accademia del teatro in lingua veneta, diretta da Luisa Baldi. Il debutto è avvenuto il 31 dicembre 2009 con replica il 1° gennaio 2010 al Teatro Verdi di Vittorio Veneto con grande successo di pubblico.

Il 31 dicembre 2010 con replica il 1° gennaio 2011 al Teatro Da Ponte di Vittorio Veneto ha debuttato “L’ultima magia de Giacomo Casanova, venexian” per la regia di Luisa Baldi. Il testo è stato scritto appositamente in lingua veneta da Fabio Girardello, scrittore e critico d’arte.  Le scene sono di Auro Trivellato. Lo spettacolo fa rivivere il ritorno a Venezia del grande seduttore e il suo ultimo incontro con l’unica donna che abbia realmente amato.  Interprete di Casanova, ormai vecchio, è Valerio Mazzucato, primo attore dell’Accademia del Teatro in lingua veneta. Al fianco di Casanova Carla Stella, nostra prima attrice, nella parte di Henriette/Lorenzi.

Il 19 marzo 2011 al Teatro Goldoni di Bagnoli di Sopra(Padova) con replica il 20 marzo 2011 al Teatro Da Ponte di Vittorio Veneto (Treviso) è andato in scena lo spettacolo intitolato “Il coraggio di vivere il sogno – gli anni giovanili di Carlo Goldoni” è un atto unico tratto dai Mémoires elaborato e diretto da Carlo Simoni. Sul palco Carlo Simoni, Luisa Baldi e gli attori professionisti dell’Accademia del teatro in lingua veneta.

Il 27 ottobre 2011 al teatro Goldoni di Bagnoli di Sopra, nell’ambito del convegno internazionale su Ruzante organizzato dall’Accademia del teatro in lingua veneta ha debuttato lo spettacolo Ruzante – La Moscheta di Giancarlo Marinelli. In scena Aristide Genovese, Carla Stella, Fabrizio Vona, Mefehnja Tatcheu e Eleonora Tiberia. É presente il Ruzante dei sentimenti forti che dominano i personaggi, ma l’intreccio è stato smontato e rimontato dalla fantasia registica di Marinelli.

Una rinascita del teatro veneto professionale non è un'illusione di stampo puramente nostalgico, ma si inserisce perfettamente nella ricerca e valorizzazione di quella "identità veneta" che la Regione Veneto porta avanti negli ultimi anni.

Copyright© Accademia del teatro in lingua veneta P.Iva 04534790284 - All rights reserved Powered by Klekoo